omnelab 10×12 > work

OPEN CALL  > ARTISTI IN RESIDENZA

INCONTRI, WORKSHOP, MASTERCLASS

a cura di
Ufficio Ambiente e ULSS 8
Leonardo Delogu
Stefania Rössl
Massimo Sordi
con
Hans Gremmen
Stefano Raimondi
Petra Stavast 
In collaborazione con
Liceo Classico Giorgione
Liceo Artistico Rosselli 
Periodo: 31 maggio-11 giugno 2016

OMNELAB – LABORATORIO IN RESIDENZA si pone l’obiettivo di esplorare le dinamiche urbanistiche, sociali, artistiche, identitarie e culturali del Nord Est italiano attraverso un approccio multidisciplinare. Il laboratorio ha l’obiettivo di trasmettere particolari pratiche di attraversamento e studio del tessuto urbano, funzionali sia all’accrescimento delle competenze personali dei partecipanti, che alla costruzione di uno sguardo nuovo sulla contemporaneità, in grado di leggere le dinamiche presenti e proporre una prospettiva e una forma possibili.

OMNELAB è l’incontro di differenti discipline artistiche che trovano, nel comprensorio del Comune di Castelfranco Veneto, un terreno di studio comune dove tracciare intersezioni fin qui impensate e dove produrre informazioni e visioni in grado di restituire la complessità dello spazio e del nostro tempo.

Attraverso public-walk, conferenze, workshop esperienziali, il gruppo degli artisti in residenza verrà guidato a produrre con linguaggi differenti – dalla performing art alla fotografia, dal graphic design al video, all’utilizzo di suoni e parole – uno sguardo peculiare e nuovo sul paesaggio preso in esame.

 

WORK è la parola scelta per il primo anno del progetto.

Guardare la città attraverso i luoghi del lavoro, dello sviluppo e delle trasformazioni portate e subite dall’industria nel corso degli ultimi decenni. Tracce di un passato che non c’è più e segni di un presente che ridefinisce il tessuto urbano, sociale, relazionale di una comunità.

WORK come fondamento del patto sociale che tiene unita una comunità, che configura un paesaggio, i suoi spazi produttivi, quelli residuali, ne ri-disegna la mobilità, ri-organizza lo spazio della vita privata e pubblica. Un movimento costante, che si fa piano urbanistico, infrastrutture ma anche ritualità, nuove forme dello stare insieme.