Stefano Raimondi

LOGO

 

L’odore del sambuco

Torre Civica – via Francesco Maria Preti
weekend inaugurale 12-14 ottobre:
Sabato 13 ottobre 20.00 – 22.00
Domenica 14 ottobre 10.00 – 13.00 / 15.00 – 19.00
15 ottobre-11 novembre:
Sabato 11.00 – 13.00 / 15.00 – 19.00
Domenica 10.00 – 13.00 / 15.00 – 19.00
Giovedì 1° novembre 9.30 – 12.30 / 14.30 – 18.30

 

os1

 

 

 

La storia parte da qui:
da questi binari spostati sul nulla
da questa ferraglia che urla.

“Hanno lavorato qui mio padre
e ancora, il padre di mio padre.
Erano il catrame delle mura
erano gli anni sbarrati fuori:
erano il giorno dopo il giorno, sempre!”.

 

 

The story starts from here:
from these tracks shifted onto nothing
from this howling scrap metal.

“My dad worked here
as did my dad’s dad.
They were the mortar of the walls
They were the locked-out years:
They were the day after the day, forever!”

 

 

8

06

 

STEFANO RAIMONDI
Poeta e critico letterario, (Milano, 1964), laureato in Filosofia (Università degli Studi di Milano). Sue poesie sono apparse in “Almanacco dello Specchio” (Mondadori, 2006) e su “Nuovi Argomenti” (2000; 2004). Ha pubblicato Invernale (Lietocolle, 1999); Una lettura d’anni, in Poesia Contemporanea. Settimo quaderno italiano (Marcos y Marcos, 2001); La città dell’orto (Casagrande, 2002 – Premio Sertoli Salis 2002); Il mare dietro l’autostrada (Lietocolle, 2005); Interni con finestre (La Vita Felice, 2009); Per restare fedeli (Transeuropa, 2013 – Premio Marazza 2013). È inoltre autore di saggi come: La ‘Frontiera’ di Vittorio Sereni. Una vicenda poetica (1935-1941) (Unicopli, 2000); Il male del reticolato. Lo sguardo estremo nella poesia di Vittorio Sereni e René Char (CUEM, 2007); Portatori di silenzio, (Mimesis, 2012) e curatore dei seguenti volumi: Poesia @ Luoghi Esposizioni Connessioni (CUEM, 2002) e [con Gabriele Scaramuzza] La parola in udienza. Paul Celan e George Steiner (CUEM, 2008). È tra i fondatori della rivista di filosofia “Materiali di estetica” e fondatore e membro del Comitato scientifico di “L’ABB – Laboratorio Permanente sui luoghi dell’abbandono” – Università degli Studi di Milano. Collabora alle pagine di “Regione del Ticino”, “QuiLibri” e in passato a “Poesia”, “PULP libri”, “Bookdetector” e tiene corsi sulla poesia in diverse università, associazioni culturali e strutture scolastiche. Curatore del ciclo d’incontri “Parole Urbane”, svolge inoltre attività di consulenza editoriale presso Mimesis Edizioni e attività docenza presso la Libera Università dell’Autobiografia e Belleville la Scuola. È tra i fondatori dell’Accademia del Silenzio.

(born in Milan in 1964) is a poet and literary critic with a degree in philosophy from the University of Milan. His poetry has appeared in “Almanacco dello Specchio” (Mondadori, 2006) and “Nuovi Argomenti” (2000, 2004). He has published a number of books: Invernale (Lietocolle, 1999); Una lettura d’anni, in Poesia Contemporanea. Settimo quaderno italiano(Marcos y Marcos, 2001); La città dell’orto(Casagrande, 2002 – 2002 Sertoli Salis Prize); Il mare dietro l’autostrada(Lietocolle, 2005); Interni con finestre(La Vita Felice, 2009); Per restare fedeli (Transeuropa, 2013 –2013 Marazza Prize), Il cane di Giacometti(Marcos y Marcos 2017). He is one of the founders of the philosophy journal “Materiali di estetica” and a founder and member of the LABB science committee (LABB is the Continuous Workshop on Sites of Abandonment at the University of Milan). He contributes to “Regione del Ticino” and “QuiLibri”, has done in the past to “Poesia”, “PULP libri”, and “Bookdetector” as well, and holds poetry courses at various universities, cultural associations and educational facilities. He is the curator of the “Parole Urbane” meeting circle, works as an editorial consultant for Mimesi Edizioni, and teaches at the Libera Università dell’Autobiografia and the Belleville School. He is one of the founders of the Academy of Silence.